Sicurezza

L’autostrada è stata attrezzata con un sistema di videosorveglianza mediante Telecamere, un sistema di conteggio veicoli mediante sensori di traffico in grado di supervisionare eventuali anomalie quali code a traffico fermo oppure traffico lento, centraline meteo per il monitoraggio delle condizioni atmosferiche e di visibilità, pannelli a messaggio variabile per l’informazione traffico agli utenti, rete dati realizzata mediante 2 dorsali in cavo Fibra ottica, colonnine per SOS ogni 2000 metri, sistema Wi-Fi chiuso per le maestranze e gli operatori, un sistema di segnalazione a LED da utilizzarsi in condizioni meteo avverse e in caso di nebbia posato sullo spartitraffico centrale, un sistema di delineazione nebbia sugli svincoli, ed un impianto di illuminazione degli svincoli a LED.

 

Le migliorie adottate durante la costruzione

Al fine di aumentare la durabilità e gli standard di sicurezza delle opere e di diminuire gli interventi di manutenzione lungo il periodo di gestione, sono state adottate, in concerto con il Contraente Generale Consorzio BBM, delle migliorie al progetto approvato durante la fase di costruzione.

Per i tre viadotti principali sono stati studiati appositi mix design del calcestruzzo con l’utilizzo di opportuni additivi. Incrementando di almeno il 50% i tempi previsti dalla norma UNI EN 13670 per la maturazione protetta (curing) degli elementi strutturali è stato possibile realizzare ad esempio pile piene con diametro superiore ai 4 metri senza fessure di origine termica. Per i tre viadotti principali è stata inoltre prevista la protezione superficiale con vernice elastomerica, applicando la soluzione estetica indicata dalla Soprintendenza di Milano e confermata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Su tutti i viadotti di linea, comprensivi dei tre di scavalco sui fiumi principali, sono state protette le travi di bordo, i cordoli e le superfici a vista delle spalle con l’applicazione di una malta cementizia elastica capace di aumentare la durabilità del calcestruzzo nei confronti di cloruri e anidride carbonica.

Nelle gallerie artificiali, al fine di garantire il costante rispetto della norma UNI 11095 facilitando le operazioni di pulizia, sono state verniciate le pareti con un protettivo ceramizzante di colore bianco fino all’altezza di quattro metri a partire dal piano viabile.